Non trovi i collegamenti per navigare in questo sito? Clicka qui


3. Configurare Girder 3.2.7b

3.1. Scaricare il programma

Il programma è gratuito per uso privato, ma è vietato ridistribuirlo o, peggio, venderlo o includerlo in un prodotto commerciale. Scaricarlo quindi dal sito http://www.girder.nl/ Io ho preso la versione 3.2.7b in formato zip (senza programma di installazione). Occorre scaricare anche il plug-in che consente a Girder di interfacciarsi con WinLirc. Entrambi i file si trovano nella sezione “Download”.

3.2. Installazione

Scompattare quindi il file di installazione in una cartella, io ho scelto c:\programmi\girder. E quindi scompattare il plugin, chiamato WinLIRC2Girder.dll nella cartella c:\programmi\girder\plugins. Se si vuole, si può mettere un collegamento a Girder nel menu avvio, ma non occorre, perché il programma se lo crea da solo nel gruppo esecuzione automatica non appena gli si dice di partire automaticamente all’avvio di windows.

Lanciare quindi il programma con doppio click su girder.exe da c:\programmi\girder.

Ammirare lo stupendo Splash-Screen del programma:

Ditemi, non dà l’idea di un prodotto altamente professionale?


Ed ecco l’interfaccia utente: spartana, odiosa, disorientante, alla prima vista ma potente e facile da usare appena ci si abitua. Non temete, imparerete a conoscerla ed apprezzarla!


Il problema è che il programmatore non ha scritto la guida in linea per il programma (ecco perché io ho scritto questa guida, no?), e quindi non c’è verso di avere documentazione se non andando sul forum. Questo non toglie nulla al programma! Se ci fosse almeno un tooltip, uno non sarebbe disorientato all’inizio, perché in realtà il programma non è difficile da usare, una volta capito cosa può fare e come.

Notare la pallina blu in basso a destra: indica che Girder non è riuscito a configurare nessuna periferica di input per eventi, e quindi non può far nulla.

3.3. Configurazione di Girder per utilizzare WinLirc


Menu file, scegliere “save as…”

immettere c:\programmi\girder\main.gml e confermare:

verrà creato un file di comandi vuoto, ma che ci consente di configurare Girder,

che altrimenti non si lascia configurare per bene e dà avvisi per file inesistenti in continuazione.


Innanzitutto configuriamo Girder per accedere a WinLirc. Menu File, settings…


Tab General:


Selezionare AutoLoad e scrivere accanto c:\programmi\girder\main.gml

Selezionare Launch Girder on windows startup

Selezionare Hide on Startup

Selezionare Show Splashscreen

Non selezionare le altre opzioni.

Clickare su APPLY.

NOTA IMPORTANTE: Girder richiede di continuo pressioni del tasto APPLY, altrimenti perde le impostazioni.

Ripeto: premere continuamente il tasto APPLY, sia in questa finestra che nelle altre!!!


Tab User Interface

Si può lasciare tutto come sta


Tab OSD Settings.

Si può lasciare tutto come sta.


Tab Plugins

Selezionare Auto Enable Input Device

Scorrere la lista di plugin fino a trovare Sendmessage, e selezionarlo (ci servirà in seguito)

Scorrere la lista di plugin fino in fondo (sono in ordine alfabetico) fino a trovare WinLirc

Selezionare WinLirc.

NOTA: Winlirc appare nella lista dei plugin se si è copiato WinLIRC2Girder.dll nella cartella PRIMA di avviare Girder, altrimenti chiudere Girder e riaprirlo. Per chiuderlo, clickare col tasto destro sull’icona col telecomando accanto all’orologio e scegliere Exit Girder, non basta premere sulla X della finestra.

Clickare su APPLY!!!


Clickare su settings, per aprire la finestra di configurazione del plugin:

Impostare delay1 a 450 e Delay2 a 120:

questi due parametri fanno sì che i numerosi codici inviati in continuazione dal telecomando vengano “rallentati” e “ridotti di numero” per evitare che con una singola pressione del bottone sembri come se il bottone sia stato premuto 3-4 volte (con effetti indesiderati).

Selezionare “Add remote name”

Premere OK -> Si ritorna alla pagina di configurazione plugins.

Premere APPLY (se non è disattivato)

Premere OK -> Si ritorna alla finestra principale di Girder

3.4. Test se funziona il collegamento WinLirc-Girder

Se avevamo lasciato WinLirc aperto, la pallina in basso a destra nella finestra di Girder da blu, diventerà verde. Altrimenti avviare WinLirc (menu avvio, programmi, esecuzione automatica, Winlirc), tornare su Girder e premere F9 una o due volte (oppure menu File/Enable input device).

Ecco i confortanti messaggi “Input device enabled” “Girder Enable” e la spia verde!

Fantastico: WinLirc rileva i codici del telecomando, e invia a Girder il nome del bottone premuto.

Premendo un bottone sul telecomando, WinLirc lampeggierà di verde nella taskbar, e l’icona a forma di telecomando di Girder si illuminerà subito dopo ad indicare che ha ricevuto il codice. Almeno sappiamo che tutto sta funzionando a dovere.


3.5. Capire Girder

Girder ha un modo di funzionare completamente adattabile ad un mucchio di lavori diversi.

Per andare avanti è importante imparare questi tre termini: “Eventi” “Comandi” “Gruppi”. Tutto sarà semplice, se si capisce questa cosa.

Girder risponde a degli “Eventi”, che nel nostro caso sono i messaggi inviati da WinLirc, ma grazie ai plugin di eventi, può rispondere ad una infinità di cose (ad esempio una connessione remota o tasti premuti sulla tastiera).

Girder esegue “comandi”, e anche questi, grazie ai plugin di comandi, possono essere qualunque cosa, per esempio lanciare applicazioni, scrivere del testo, emettere un suono, mostrare un messaggio a video.

Girder sistema i “comandi” in “gruppi”, visualizzandoli in una vista ad albero in cui i gruppi ricordano le cartelle, in modo da poterli ordinare comodamente.

3.6. Creare comandi per Girder (esercitazione)

Noi utilizzeremo quindi, tra tutti gli eventi che Girder potrebbe supportare, i soli codici inviati da WinLirc, generati ogni volta che premiamo un tasto sul telecomando. Utilizzeremo poi, tra l’infinità di comandi offerti, questi quattro, per cominciare a far pratica:

- Esecuzione di un programma

- Immissione di tasti nella finestra corrente

- Immissione di tasti su una finestra specifica

- Regolazione del volume di sistema


3.6.1. Esecuzione di un programma

Premere CTRL-A, oppure menu Edit/Add command oppure Clickare col tasto destro sulla vista a sinistra e scegliere “Add command”.

Viene creato un gruppo (con l’icona di cartella) e un comando dentro il gruppo. (con l’icona di un telecomando).

Vengono chiamati entrambi “New” perché ancora non si è specificato un nome.

Selezionare il gruppo e premere F2 per rinominarlo. Immettere il nome: “Test” e premere INVIO

Selezionare il comando e premere F2. Immettere il nome: “Lancia Notepad” e premere INVIO.


In questa esercitazione proveremo a scrivere un comando che apre il Notepad.

La sezione in basso a destra, quella con “Window, O.S., Command, Girder, Mouse, Keyboard, Plugins”, consente di scegliere l’azione da far eseguire al comando appena creato. La scelta è davvero vasta!!!

Noi sceglieremo “O.S.” e quindi, dalla barra a discesa “Execute”.

Dopo di che immetteremo c:\windows\notepad.exe nel campo File e premeremo APPLY


Il tasto F5 serve a provare il comando evidenziato (al momento è evidenziato il comando Lancia Notepad), prima di assegnarlo eventualmente a un tasto del telecomando.

Premere F5 e verificare che il Notepad viene aperto. Chiudere il Notepad (era solo una prova!)


Adesso la parte più divertente: sempre con il comando “Lancia Notepad” evidenziato, premere il bottone Learn Event, in alto a destra. Girder si mette in modalità di attesa: il prossimo evento ricevuto verrà assegnato al comando selezionato, cioè “Lancia Notepad”. Dopo aver premuto “Learn Event”, dunque, premere un bottone sul nostro telecomando. Io ho premuto il tasto “Play” del mio telecomando samsung.

Cosa succede? Viene creata una eventstring sotto il comando “Lancia Notepad”. Nel display dotbar (quello giallo e arancione) viene indicato cosa questa eventstring contiene, cioè il comando ricevuto da WinLirc. E’ il modo di Girder di indicare che il bottone play sul telecomando samsung, eseguirà il comando “Lancia Notepad”, che aprirà il Notepad.

Provare per credere!

Premere il bottone Play sul telecomando una seconda volta e Notepad verrà aperto.

Premerlo di nuovo e verrà aperto un altro Notepad.

Chiudere tutte queste finestre (era solo una prova)

3.6.2. Immissione di tasti nella finestra corrente

Creare un nuovo comando.

Ormai è facile: premere CTRL-A: viene creato un nuovo comando.

Premere F2 per rinominarlo. Rinominarlo “Scrivi qualcosa” e premere INVIO.

Anziché il tab O.S., questa volta useremo il tab “Keyboard”

in Sentence scriviamo una frase. Ad esempio “Adoro il PC”

Premere APPLY. Ricordi? Se non premi Apply le modifiche non avranno effetto.

Assegnare quindi questo comando ad un evento.

Premere il bottone “Learn Event” e spingere un tasto sul telecomando. Ad esempio io ho premuto il tasto stop.

Viene creata una eventstring sotto l’evento “Scrivi Qualcosa” che contiene, nel mio caso samsung:stop.


Proviamo i nostri nuovi comandi:

- Premere Play sul telecomando: verrà aperto il notepad

- Premere Stop sul telecomando: verrà scritto “Adoro il PC” come se l’avessimo digitato

- Aprire un altro programma, ad esempio Wordpad

- Premere Stop sul telecomando: verrà scritto “Adoro il PC” come se l’avessimo digitato

Chiudere Wordpad e il Blocco Note.

Questo è un buon momento per salvare il nostro file: tornare a Girder e scegliere File/Save

3.6.3. Immissione di tasti su una finestra specifica

Girder è in grado di inviare tasti, oltre che alla finestra correntemente aperta, anche ad una finestra specifica, anche senza che sia la finestra in primo piano. Nel nostro esempio faremo la cosa col blocco note. In pratica lo si fa con qualunque programma per inviarli le scorciatoie da tastiera che ne controllano le funzioni principali.

Aprire il Notepad (ora possiamo farlo premendo il tasto Play sul telecomando, non dobbiamo usare il menu avvio!)

Passare a Girder.

Selezionare il comando scrivi qualcosa.

Premere il bottone Target.

Trascinare l’icona a forma di mirino da Girder verso la finestra del blocco note e quindi rilasciare.


Oppure scegliere, dalla lista di finestre attive, quella che interessa (il blocco note)


Qualunque sia il metodo usato, verranno riempiti i campi in basso a destra con i dati dell’applicazione selezionata (NotePad). Selezionare le parti di questi dati raccolti che verranno utilizzate per riconoscere l’applicazione. Executable e Class Name presumibilmente resteranno sempre gli stessi, mentre il Name (il titolo della finestra) può cambiare, da “Senza nome – Blocco note” ad altri valori, quindi è opportuno deselezionare Name.

Deselezionare Name

Premere APPLY

Premere OK

Adesso il comando “Scrivi Qualcosa” non agisce sulla finestra correntemente aperta, ma su tutte quelle che soddisfano i criteri: Class Name: Notepad, Executable: notepad.exe.

Fare la prova.

Aprire il notepad due volte (premere il tasto play sul telecomando due volte)

Aprire wordpad (dal menu avvio)

Tenendo wordpad aperto, premere il tasto stop sul telecomando.

In entrambi i notepad verrà scritto “Adoro il PC”, nonostante non fossero la finestra in primo piano, mentre in wordpad non viene inserito niente. Chiudere tutti i programmi tranne Girder

3.6.4. Regolazione del volume di sistema

Adesso che siamo diventati più bravi, procediamo più in fretta:

Creare (CTRL-A) due comandi, “volume su” e “volume giu” e assegnarli a due tasti a piacere.

Io ho scelto i tasti “prog su” e “prog giu” del mio telecomando per videoregistratore.

Dal menu Edit, scegliere “collapse all eventstrings” per rendere più ordinata la vista.


Selezionare il comando “volume su”.

Scegliere il tab “O.S.”

Scegliere “volume change” dalla barra a discesa

Immettere un valore positivo grandicello, tipo 3000 nel campo step size

Selezionare OSD (On screen display)

Premere APPLY


Selezionare il comando “volume giu”

Scegliere il tab “O.S.”

Scegliere “volume change” dalla barra a discesa.

Immettere un valore negativo, tipo –3000 nel campo step size.

Selezionare OSD.

Premere APPLY.


Provare questi due potenti comandi, premendo i bottoni sul telecomando!!!

Appare una elegantissima barra del volume in sovraimpressione!!!



3.7. Configurare Winamp 2

Conosci Winamp 2? E’ un programma per ascoltare mp3 e molto di più. Lo puoi scaricare da http://www.nullsoft.com/

Adesso che abbiam fatto pratica, è facile configurare i programmi con Girder!

Cancellare il gruppo Test che non ci serve più: clickare col sinistro per selezionarlo, quindi premere Ctrl-Del.

Creare un nuovo gruppo di comandi: Menu Edit: Create Toplevel Group.

Chiamarlo Winamp (rinominarlo premendo F2)

Creare (CTRL-A) sei comandi, e chiamarli con nomi opportuni (F2 per rinominare):

Prev, Play, Pause, Stop, Next, Repeat

Assegnare una eventstring a ciascuno (Selezionare il primo, premere learn event e quindi spingere un tasto sul telecomando, ripetere la cosa per gli altri comandi)

Menu Edit, collapse all eventstring per ordinare la vista

Assegnare ad ogni comando il tipo Keyboard, e nel campo sentence, immettere un singolo carattere, rispettivamente:

Prev z

Play x

Pause c

Stop v

Next b

Repeat r

PREMERE APPLY DOPO OGNI CARATTERE, ALTRIMENTI LE MODIFICHE VANNO PERSE!


Questi tasti, infatti, sono le scorciatoie per Winamp (non lo sapevi? Prova: apri Winamp e premi i tasti z x c v b r: effettueranno i comandi corrispondenti). Lasciare Winamp aperto.

Così come sono stati impostati, i comandi inviano i caratteri alla finestra correntemente aperta, e non è una grande idea!

Pensa: se hai Notepad aperto e usi il telecomando, verranno scritti i caratteri z x c v b r nel notepad e Winamp non farà nulla! Occorre impostare il target per questi comandi su Winamp. Girder consente di impostare il target per l’intero gruppo “Winamp” una volta sola, così si evita di ripetere la procedura 6 volte. Selezionare quindi il gruppo Winamp, clickandoci su col tasto sinistro. Clickare col tasto destro sulla scritta Winamp e scegliere “set group targets”.

Utilizzare il mirino per selezionare Winamp oppure scegliere la finestra principale di Winamp dalla lista di finestre aperte. Come prima, selezionare Class Name e Executable e non selezionare Name. PREMERE APPLY, quindi OK.

Risultato: il target è stato impostato per tutti i membri del gruppo Winamp.

Provare per credere! Aprire Winamp, quindi un altro programma qualsiasi. Premere i tasti sul telecomando: si controlla Winamp con il telecomando. Con una tecnica simile è possibile configurare qualsiasi programma che utilizzi scorciatoie da tastiera.

3.8. Configurare Zoom Player

Come ci si è resi conto, per voler controllare un programma col telecomando, la parte difficile è trovare il modo di scrivere i comandi che controllino il programma, e reperire tutte le scorciatoie da tastiera.

Una volta fatto questo lavoro, e ottenuto il gruppo di comandi associati al programma, assegnare eventi ai comandi è facilissimo: si seleziona il comando interessato, si preme “Learn Event” e si spinge il bottone sul telecomando! Un gioco da ragazzi.

Per questo sul sito di Girder, sono già pronti dei file di configurazione per alcuni programmi, basta importarli con il menu file/import group e il gioco è fatto. Tutti gli utenti di Girder sono incoraggiati a condividere i propri gruppi di controllo per programmi, sul sito ufficiale: http://www.girder.nl/

Se vi piace usare zoom player ( http://www.inmatrix.com/zplayer/ ) per vedere filmati, siete fortunati: ha una funzione di esportazione di file in formato Girder!!!

Aprire Zoom Player (io ho la versione 2.90). Clickare col tasto destro e scegliere “Player Options”, quindi scegliere “Keys” clickare su “Export”

Premere quindi OK. Verrà creato il file zplayer.gml nella cartella di zoomplayer.

Passare a Girder e scegliere menu file/import group…

Cercare la cartella di zoomplayer (tipicamente c:\programmi\zoom player\) e aprire il file zplayer.gml

Verranno aggiunti due gruppi di comandi in Girder, dai nomi che ricordano la funzione. Ad esempio fnzoom per ingrandire la finestra a tutto schermo, fnskipbackward per tornare indietro 5 secondi nel file, fnplay per far partire la riproduzione. Scegliere quelli che si vogliono controllare col telecomando, premere “Learn Event” e spingere il bottone prescelto sul telecomando!!!

La cosa che all’inizio poteva sembrava la più difficile (configurare un player multimediale per il telecomando) si è rilevata in realtà la più facile!

In figura ho assegnato il tasto samsung:play alla fnplay di Zoom Player e samsung:stop alla fnstop.

Davvero una cosa semplicissima! Attenzione: occorre che il plugin SendMessage sia stato caricato, affinché questi comandi relativi a zoom player funzionino.

3.9. Idee intelligenti

Abbiamo visto che di solito inviare i tasti simulati di tastiera all’applicazione corrente può non essere utile, e di solito si inviano i tasti ad una finestra specifica. Però ci sono alcune eccezioni, per comandi che si possono rivelare molto utili e generici, che conviene non associare ad una finestra specifica. Io ho configurato il bottone rosso del mio telecomando, siglato “standby/on” che normalmente serve a spegnere il videoregistratore, per inviare ALT-F4 alla finestra corrente. Risultato? Premendo il bottone rosso, chiudo il programma aperto al momento.

Ho pure configurato i 4 tasti sistemati come frecce sul telecomando per inviare i movimenti del cursore, il tasto siglato OK per inviare INVIO, e un altro tasto per inviare Backspace. Risultato? Posso spostarmi sullo sfondo, oppure in una qualsiasi cartella aperta con le frecce, e premendo OK apro il programma, la cartella o il documento selezionato. Se voglio tornare alla cartella precedente, premo il tasto associato a Backspace. Quanto ho finito di usare il programma, premo il bottone rosso e lo richiudo, e vengo riportato sullo sfondo, da dove posso aprire un altro programma o documento! Solo la fantasia (o il caso, provando e riprovando) possono suggerire maniere sempre più intelligenti di usare il telecomando.

3.10. Procedure avanzate

Girder consente, attraverso un’altra sua caratteristica chiamata Stati, di fare si che lo stesso evento esegua ora un comando, ora un altro, come un interruttore a due posizioni.

Inoltre consente di attivare e disattivare gruppi, in modo da poter assegnare più configurazioni di comandi per gli stessi eventi, e passare da una all’altra attivando e disattivando i gruppi.

Contiene anche un linguaggio di scripting chiamato LUA per spingere le personalizzazioni e automazioni al massimo.

Spiegare queste cose va oltre gli scopi di questa guida e si rimanda al sito ufficiale http://www.girder.nl/


ATTENZIONE: Se si chiude e riapre WinLirc, Girder non è più in grado di riceverne i dati. Occorre aprire Girder (doppio click sulla sua icona nella system tray, accanto all’orologio) e premere due volte F9 per disattivare e riattivare il collegamento con l’altra applicazione.




Non trovi i collegamenti per navigare in questo sito? Clicka qui